Corso di Judo Kodokan

Il corso si svolge in Via Brodolini presso il Centro Sportivo Comunale a Nova Milanese.

GIORNI E ORARI:
MARTEDI e VENERDI ore 17.30-18.30 (5-7 anni)
MARTEDI e VENERDI ore 18.30-19.45 (8-14 anni)
MARTEDI e VENERDI ore 20.00-21.30 (>14 anni)

INFOLINE : +39 338.7510091 (Alessandro)

INFOLINE : +39 333.4451748 (Davide)

 


 "Il Judo ha la natura dell'acqua. L'acqua scorre per raggiungere un livello equilibrato.
Non ha propria forma, ma prende quella del recipiente che la contiene. E` indomabile e penetra ovunque. E` permanente ed eterna come lo spazio e il tempo. Invisibile allo stato di vapore, ha tuttavia la potenza di spaccare la crosta della terra. Solidificata in un ghiacciaio, ha la durezza della roccia..."
Bunji Koizumi (8° Dan), Shi-han (1886-1964)

Che cos'è il Judo?
Molto probabilmente se lo chiedete ad un ragazzo sopra i 12 anni che abbia praticato per qualche mese questa disciplina, vi risponderà secondo i canoni di chi ha "studiato"...

Judo. Parola giapponese formata da due ideogrammi: Ju, che significa cedevolezza, e Do, che significa via, sistema. Il Judo proviene dal Jiu jitsu, antica arte di combattimento giapponese. La leggenda narra che un medico giapponese (Shirobei Akiyama) vide due alberi, un salice e un ciliegio, entrambi carichi di neve, ma mentre il primo faceva cedere i propri rami sotto il peso di questa fino a toccare in terra e quindi fino a scaricare la neve per tornare alla sua posizione più forte di prima, l'abete rimaneva rigido e sopportava il peso della neve, finché questa, diventata troppo pesante, rompeva il ramo... Da qui il principio del Jiu-Jitsu: assecondare i movimenti dell'avversario/compagno, sfruttando la sua forza per farlo cadere.

Molto più spontanea e semplice è la risposta di un bimbo alla domanda iniziale: sopratutto gioco.
Ed ecco che il Judo si divide in due: gioco e socializzazione per i più piccoli e la ricerca di se stessi per i più grandi.

La pratica di questa disciplina, quindi, risulta adatta ai giovanissimi più di altre Arti Marziali perché, attraverso la ginnastica per il riscaldamento, consente uno sviluppo armonioso della struttura corporea, mentre nel corso della lezione il giovane acquisisce sicurezza interiore e mitiga l'aggressività e l'irrequietezza tipiche della sua età. Altre cose molto importanti che apprenderà il giovane frequentante sono il rispetto e la comprensione verso il proprio compagno, il proprio avversario, ma più in generale, verso i propri simili, soprattutto nelle competizioni.

Per quanto riguarda i più grandi, il Judo è una disciplina per migliorare, da una parte, il corpo umano, rendendolo forte, sano e utile (attraverso un'educazione fisica) e dall'altra, incrementare la forza intellettuale e morale (diventando una forma educativa) fino a diventare un modello di un'arte di vita. Implicitamente viene insegnato come raggiungere un senso di profonda grande armonia che permette alla gente di godere della vita in una società che contribuisce alla prosperità e alla felicità del genere umano attraverso il perfezionamento di se stessi.

Per questo il Judo è una disciplina adatta a tutte le età.... conosciuta dai piccoli per il "gioco", stimata dai grandi per la ricchezza interiore che da quest'arte proviene.

 Stampa  Email

Corso di Taekwondo ITF

Il corso si svolge in Via Mazzini presso il le scuole Elementari Quadrello a Nova Milanese.

GIORNI E ORARI:
LUNEDI e GIOVEDI ore 18.30-19.30 (5-9 anni)
LUNEDI e GIOVEDIore 19.30-20.30 (10-14 anni)
LUNEDI e GIOVEDI ore 20.30-22.00 (>14 anni)

INFOLINE : +39 392.4485141 (Ilaria corso Bambini)


Il Taekwon-do è l'arte marziale coreana che trae origine dall'antichissima forma di combattimento senza armi TAEKYON-DO praticato nella penisola coreana già da prima della nascita di Cristo. Nella forma attuale il TAEKWON-DO è stato concepito dal Generale Choi Hong Hi che ha codificato più di 900 tecniche in un programma didattico estremamente organico. Il Taekwon-do è oggi praticato nel mondo da milioni di persone, che in questa arte marziale hanno trovato un nuovo modello di vita.

La struttura tecnica del Taekwon-do è nel nome stesso. Infatti TAE significa saltare e dare calci, KWON significa pugno e DO significa arte, è quindi l'arte dei pugni e dei calci.

Lo scopo del TAEKWON-DO è quello di migliorare l'individuo, esistono principi morali che ogni allievo deve rispettare. Attraverso il rispetto dei principi morali e la pratica dell'Arte ogni allievo riesce a conquistare sicurezza, benessere fisico e psichico capacità di concentrazione e calma interiore. L'allievo che riesce a raggiungere questi obiettivi è sicuramente ben più disponibile ed aperto ai contatti umani. L'etica e la morale che il Taekwon-do prevede, aiutano l'allievo a trovare una corretta dimensione nei rapporti interpersonali.

Il TAEKWON-DO come Arte marziale cura molto la difesa personale ed accentua non solo una rigida autodisciplina, ma anche uno spirito di cooperazione e di rispetto reciproco, insegna inoltre la pazienza e ad affrontare ogni tipo di difficoltà.

Nella fascia agonistica si acquisisce un ottima preparazione fisica per ogni distretto muscolare ed un miglioramento della mobilità articolare, della resistenza, della coordinazione dinamica, del'equilibrio e della velocità.

 Stampa  Email

Corso di M.M.A.

Il corso si svolge in Via Brodolini presso il Centro Sportivo Comunale a Nova Milanese.

GIORNI E ORARI:
LUNEDI ore 19.15-21.00

MERCOLEDI ore 18:00 - 20:00

INFOLINE : +39 333.4451748 (Davide)


Con il termine arti marziali miste (abbreviato spesso in MMA, sigla del termine inglese mixed martial arts, a volte impropriamente chiamate free fight o no holds barred e confuse con il predecessore vale tudo[1]) si indica uno sport da combattimento a contatto pieno il cui regolamento consente l'utilizzo sia di tecniche di percussione (cioè calci, pugni, gomitate e ginocchiate), sia di tecniche di lotta (come proiezioni, leve e strangolamenti). L'appellativo deriva dal fatto che originariamente queste competizioni erano state concepite come un confronto diretto fra discipline differenti, sebbene nel corso degli anni i praticanti abbiano progressivamente iniziato ad adattare al nuovo scenario le tecniche più efficienti di ogni singola arte marziale, combinando stili diversi fra loro e mettendo a punto strategie innovative e funzionali al contesto. Per questa ragione, ad oggi le arti marziali miste si sono di fatto evolute in uno stile a sé stante, che mescola elementi di tutti gli altri.[2] Solitamente chi compete in questo tipo di gare a livello professionistico si è comunque specializzato in uno sport da combattimento particolare, che costituisce la base del suo allenamento e che viene perfezionato per poi permettere di focalizzarsi su quel tipo di scontro durante ogni match. Gli incontri di MMA hanno sempre inizio con il combattimento in piedi, che può poi eventualmente proseguire a terra. Gli atleti possono vincere ai punti, per knock-out o per sottomissione (cioè costringendo l'avversario alla resa tramite leva o strangolamento).

 Stampa  Email

Corso di Karate Go-Ju-Ryu

Il corso si svolge in Via Brodolini presso il Centro Sportivo Comunale a Nova Milanese.

GIORNI E ORARI:
LUNEDI  ore 18.00-19.15 (Bambini)
GIOVEDI ore 19.00-20.10 (Bambini)

INFOLINE : +39 338.9533868 (Fabio)


Secondo la leggenda, il monaco Bodhidharma è recato in provincia di Hunan in Cina intorno al 500 dC Ha trascorso nove anni nel tempio Shaolin,

dove dopo ha iniziato ad insegnare varie tecniche di respirazione ed esercizi fisici per i monaci di Shaolin. Egli ha anche spiegato ai monaci come sviluppare la loro forza mentale e spirituale, al fine di sopportare gli esercizi di meditazione esigenti. Insegnamento Bodhiharmas è considerato come la nascita di Kempo cinese. Quando Kempo si diffuse in tutta la Cina, è stato suddiviso in due stili principali, del Nord e gli stili del sud. Lo stile del Nord è stato caratterizzato da tecniche semplici e duro, mentre il Sud ha avuto tecniche circolari e più morbido. Le tecniche di Kempo erano spesso ereditati all'interno della famiglia, come un segreto ben conservato.

Per capire la storia del Karate si deve andare al luogo di nascita del Karate stesso. Situata nel Mar della Cina circa a metà strada tra il Sud e il Giappone Fukien Provincia della Cina si trova una breve stringa di isole chiamate Isole Rykyu, Okinawa è il più grande e la casa del Karate.

Essendo situato dove era, nel bel mezzo di una via commerciale importante, Okinawa fu fortemente influenzato da Cina, Giappone e Asia meridionale. Gli abitanti di Okinawa erano un popolo molto tranquillo e amante della pace, ma come tutte le culture antiche hanno dovuto proteggersi da ladri e pirati, soprattutto quando sulle navi mercantili che solcavano il Mar della Cina. Come in altre culture, Okinawa avevano la loro prima arte di autodifesa chiamato "te". Nel XII secolo le isole sono stati divisi in tre regni e nei primi anni del XV secolo Sho Hashi uniti tutti i regni. Durante il commercio XIV e XV secolo fiorì e l'influenza della Cina è stato molto forte. In effetti per un lungo periodo di Okinawa ha reso omaggio ai cinesi. A quel tempo tutte le armi sono stati esclusi dalla gente comune. Questa situazione ha portato ad un aumento nello sviluppo di tecniche di combattimento a mani nude, nonché un forte sviluppo di Kobudo (utilizzando utensili ogni giorno come armi). Tutto questo è stato fatto in gran segreto. A quel tempo c'era anche una vita molto grande comunità cinese di Okinawa tra monaci e

maestri di kung fu. Una fusione delle arti marziali cinesi si è verificato e gli abitanti di Okinawa chiamato questa arte "tote" (mano cinese).

Nel 1609 Okinawa fu invasa dai giapponesi Satsuma Clan e per la centralizzazione politica del re Shoshin (1477-1526) per 270 anni è rimasto il loro protettorato. Per mantenere il controllo della popolazione hanno continuato il divieto di tutte le armi e le arti di combattimento per tutti gli abitanti di Okinawa. Maestri di arti marziali sono sempre stati molto riservati e questo ha spinto ancora di più sotto terra, ma probabilmente anche aumentato la necessità di promuovere l'uso di TE e Kobudo. Le tecniche di karate e Kobudo sono stati nascosti in Okinawa danza. In segreto il kata può essere eseguita da sola o in gruppo mantenendo l'arte viva. In questo periodo ci sono stati tre diversi stili di karate in via di sviluppo, ciascuno prende il nome dalla città in cui è stata praticata. Naha te, dal porto della città di Naha, Shurei te dalla capitale di Shurei, e Tomarei te, dalla città di Tomarei, a metà strada tra Shurei City e la città portuale di Naha.

In seguito ulteriormente sviluppato attraverso un processo di sistematizzazione in 'Karate moderno', che in realtà aveva molto a che fare con gli sforzi degli uomini conosciuti come Chuko non così (I Revivers), tra cui Sokon Matsumura (1828-1898) del Shuri -te stile, Kosaku Matsumora (1829-1898) del Tomari-te stile e Kanryo Higaonna (1853-1915) del Naha-te stile. Nel 1908, 'I 10 articoli di Karate' preparati da Anko Itosu sono state presentate alla Sezione Didattica affari della Prefettura di Okinawa. Dopo di che, il karate ha iniziato l'introduzione nei programmi scolastici di ginnastica, acquisendo così ampia accessibilità, in contrasto con i principi precedentemente segreti del Isshi-Soden (la trasmissione completa delle tecniche di un ryu di controllo solo per il tuo erede).

 

 Stampa  Email

Corso di Kombat Judo

Corso riservato a chi già pratica un arte marziale e vuole avere anche una base di lotta sia a terra che in piedi. Atemi, proiezioni, leve e soffocamenti di Judo/Jujitsu per integrare al meglio il vostro bagaglio marziale.

kombat judo

ne waza
   

Il corso si svolge in Via Brodolini presso il Centro Sportivo Comunale a Nova Milanese.

GIORNI E ORARI:
SABATO 10:30 - 12:00 (due sabati al mese)

INFOLINE : +39 338.7510091 (Alessandro)

 


 

 

 

 

 Stampa  Email